Archivio mensile:novembre 2015

Cybercrime: polizia entra in 'rete' per sicurezza informatica – Video

(AGI) – Roma, 10 nov. – Fornire agli utenti indicazioni utili a
proteggere al meglio i propri dispositivi di accesso alla rete,
per contrastare il furto di dati personali e finanziari da
parte dei criminali informatici. E’ l’obiettivo di “Blackfin”,
la campagna sulla cyber-consapevolezza guidata dall’Nca e
sostenuta da Europol, in programam da ieri e fino al 13
novembre negli aeroporti di Roma Fiumicino e Milano Malpensa.
Personale della Polizia postale e delle comunicazioni e
rappresentanti delle maggiori societa’ di cyber security,
Kaspersky Lab a Roma e Symantec a Milano, forniranno ai
passeggeri in transito informazioni e consigli in materia di
sicurezza informatica. L’evento si svolge contemporaneamente
anche in altri Paesi europei, e non solo, con iniziative
diverse in ogni location. Forze dell’ordine e partner del
settore saranno a disposizione per offrire consigli ai
viaggiatori in movimento dalla stazione di Birmingham a quella
di Atocha a Madrid, a quella centrale di Bogota’, e nei due
scali italiani dove sono presenti due desk informativi nelle
aree attigue ai gate dei Terminal 1.
“L’impegno della Polizia di Stato per sensibilizzare gli
utenti all’uso consapevole della rete e’ iniziato piu’ di 15
anni fa – ricorda Roberto Di Legami, direttore del Servizio
Polizia postale e delle comunicazioni – Come protagonisti
istituzionali nella sicurezza informatica, siamo convinti che
rendere il web piu’ sicuro con tecnologie innovative e sempre
piu’ sofisticate sia un obiettivo primario per contribuire ad
uno sviluppo sostenibile della rete e dei suoi servizi. Per
fare della rete un luogo piu’ sicuro crediamo, tuttavia, che
occorra anche continuare a diffondere una cultura globale della
sicurezza in rete, in collaborazione con le aziende e tutti
coloro che si occupano di sicurezza informatica. A maggior
ragione e con piu’ intensita’ in un momento storico come
questo, in cui gli utenti trascorrono una parte importante del
proprio tempo libero in Internet, condividendo contenuti e
informazioni, anche personali”.(AGI)
.

Vai sul sito di AGI.it
Source: Agi

Google celebra Hedy Lamarr, attrice e 'madre' del Wi-Fi

(AGI) – Roma, 9 nov. – Diva del cinema, ricercatrice,
scienziata ma anche suffraggetta al fianco dell’America contro
il regime nazista. Hedy Lamarr viene celebrata nel Doodle di
Google di oggi in un’animazione in perfetto stile hollywoodiano
che la vede vestire i panni della femme fatale del cinema anni
Quaranta e contemporaneamente della scienziata alle prese con
provette e valvole termoioniche (i futuri transitor).

La
‘madre’ del Wi-Fi nasce a Vienna 101 anni fa. Giovanissima
rinuncia al corso di laurea in Ingegneria per intraprendere la
carriera di attrice e nel 1933 e’ una delle prime ad apparire
in una scena di nudo (nel film ‘Estasi’ del regista
cecoslovacco Gustav Machaty, presentato nella seconda Mostra
internazionale d’arte cinematografica di Venezia). La pellicola
viene censurata e in alcuni Stati tolta dal mercato. Poco dopo
Hedy Lamarr lega il suo nome a un nuovo sistema di modulazione
per la codifica d’informazioni da trasmettere su frequenze
radio (che brevetta insieme al compositore e caro amico George
Antheil), importante per il comando a distanza di siluri e
mezzi navali. L’invenzione sara’ successivamente al centro
dell’attenzione anche di servizi segreti e apparati militari.
Il concetto cardine del loro lavoro trova oggi applicazione non
solo nella crittografia ma anche nella telefonia mobile e nei
sistemi informatici wireless.

Sono oltre trenta le pellicole
hollywoodiane che immortalano la bellezza di Hedy Lamarr. Tra
queste ‘La febbre del petrolio’, in cui recita accanto a Clark
Gable e Dick Tracy, e ‘Corrispondente X’, sempre con Gable. Poi
alla fine degli anni Quaranta ha un enorme successo nei panni
di Dalila nel film ‘Sansone e Dalila’ di Cecil B. DeMille. Ma
l’ossessione della bellissima Hedy sono le comunicazioni via
radio. L’idea di un nuovo sistema per criptarle le viene per
cercare di evitare che i segnali radio nemici intercettino i
siluri negli scontri navali. Il primo prototipo del sistema
Lamarr-Antheil si basa sulla tastiera di un pianoforte: ogni
tasto produce un segnale a una certa frequenza e solo con uno
specifico codice si puo’ controllare il siluro. Il brevetto
risale al 1942 ma solo una ventina d’anni dopo l’idea viene
utilizzata dalla marina militare degli Stati Uniti. Il nome di
Hedy Lamarr e’ legato anche ad altre invenzioni, come la
compressa da sciogliere in acqua per produrre una bibita
gassata (dal sapore pero’ non troppo gradevole) e un nuovo tipo
di semaforo in cui l’alternanza tra il verde e il rosso viene
pensata per regolare il traffico in modo piu’ efficiente.

La
vita avventurosa e mai monotona della Dark Lady del cinema
Lamarre (si trova costretta anche a fuggire dal nazismo
rifugiandosi a Londra dopo aver conosciuto Hitler e Mussolini,
ospiti fissi nel castello del suo primo marito, Fritz Mandl) si
riflette nel privato: sposata per sei volte e madre di tre
figli, e’ spesso protagonista di pettegolezzi e gossip legati
alla sua bellezza e alle molte relazioni amorose. Negli anni
Quaranta diventa cittadina americana. Muore nel sonno per un
attacco cardiaco in Florida all’eta’ di 86 anni. Sembra che la
sera prima di morire, quasi presagisse l’arrivo della fine,
prima di addormentarsi si mise eccezionalmente qualche goccia
di profumo. Le sue ceneri furono disperse su una collina della
Selva Viennese, come da lei richiesto. (AGI)
.

Vai sul sito di AGI.it
Source: Agi

Torna Call of Duty – Black Ops. Su Ps3 e Xbox360 versione ridotta

(AGI) – Legnano, 6 nov.- L’attesa e’ finita: Black Ops e’ da
oggi disponibile in formato digitale e presso tutti i retailer
a livello mondiale. Call of Duty: Black Ops III di Activision
introduce un futuro nel quale la linea di confine tra uomo e
macchina e’ molto sfumata, ed offre ai giocatori potenti
abilita’ e un nuovissimo sistema di movimento sequenziale
basato sull’azione immediata che ridefinisce completamente il
modo in cui si gioca.
“Con Black Ops III, volevamo creare un gioco della serie
Call of Duty diverso da tutti i precedenti, innovativo in ogni
modalita’ di gioco e con una serie sorprese disseminate al suo
interno, ma allo stesso tempo fedele all’esperienza blockbuster
forte e piena di emozioni per cui il franchise e’ conosciuto. E
Treyarch ha mantenuto la promessa,” dichiara Eric Hirshberg,
CEO of Activision Publishing, Inc. “Questo gioco e’ cosi’
divertente, profondo, variegato ed ha cosi’ tanti colpi di
scena e grandiosi capovolgimenti che non potevamo esserne piu’
fieri. Pensiamo che i nostri fan lo ameranno.”
Il titolo mostra le possibilita’ dato dal ciclo di sviluppo
triennale di Activision per Call of Duty, perche’ lo
sviluppatore Treyarch ha introdotto una serie di innovazioni
in tutte le modalita’ di gioco ed ha prodotto il gioco piu’
ricco di contenuto nella storia di Call of Duty, includendo
funzionalita’ next gen come la possibilita’ di giocare online
in tutte le modalita’, un’esperienza di gioco basata sulla
scelta, una suite ricca di funzionalita’ di personalizzazione,
l’integrazione completa delle funzionalita’ eSports, giochi
bonus e molto altro.
“Black Ops III e’ stato un vero lavoro di passione per noi
a Treyarch,” dichiara Mark Lamia, Studio Head, Treyarch. ” Sono
cosi’ orgoglioso di questo team, che sin dall’inizio si e’
messo a dura prova con lo scopo di spingere ai limiti la nostra
creativita’, la nostra abilita’ e la nostra tecnologia con la
versione per le console di nuova generazione di Black Ops III.”
Call of Duty: Black Ops III conduce i giocatori in un mondo
futuro dominato da tecnologia all’avanguardia, dove la
biotecnologia e i potenziamenti cibernetici hanno dato vita ad
una nuova razza di soldati Black Ops. In pura modalita’ Black
Ops, l’operatore del 2065, dotato di un equipaggiamento di
armi ad alta tecnologia e di potenti abilita’ biotecniche, e’
preparato a combattere i nemici, siano essi umani o meccanici,
lungo una narrazione ricca di adrenalina che puo’ essere
giocata sulle piattaforme next gen sia in solitaria sia in
cooperativa fino a 4 giocatori. Il team di narratori di
Treyarch si e’ liberato di ogni freno nel dare forma alla
propria oscura e contorta interpretazione del futuro –
prendendo al contempo spunto dalle scoperte scientifiche e dal
progresso del presente.
“Questa e’ una partnership storica che fa di PlayStation il
posto migliore per giocare a Call of Duty. Il modo in cui e’
stata accolta la beta multiplayer del gioco solo pochi mesi fa
ha dato prova dell’enorme appetito che i nostri fan hanno per
questo franchise e dell’attesa per Black Ops III,” ha
dichiarato Adam Boyes, VP of Publisher and Developer Relations,
Sony Computer Entertainment America. “Questo e’ il gioco che i
nostri fan vogliono e siamo molto orgogliosi di dare il
benvenuto a Call of Duty nella sua nuova casa su PlayStation
4.”
Ma c’e’ di piu’: Call of Duty: Black Ops III porta i giocatori
nelle terrificanti ambientazioni da film noir degli anni ’40
con il nuovo capitolo du Call of Duty Zombies, in Le Ombre del
Male. Ambientato negli oscuri meandri e nei nefasti vicoli di
Morg City, Le Ombre del Male introduce quattro sconosciuti
tragicamente imperfetti – il Mago, La Femme-Fatale, il
Detective ed il Pugile – che si svegliano in un mondo da incubo
invaso dai non morti. Le Ombre del Male e’ disegnato per
testare i limiti della determinazione mentale e fisica del
quartetto, perche’ ognuno dei quattro personaggi lotta per
superare la confusione e l’amnesia, nella speranza che possano
ricostruire gli eventi che li hanno portati in questo mondo
contorto, con l’aiuto del misterioso Uomo Ombra.
I personaggi hanno l’aspetto e le voci di Jeff Goldblum
(Jurassic Park, Independence Day), Heather Graham (The Hangover
1-3, Californication), Neil McDonough (Captain America: The
First Avenger, Band of Brothers), Ron Perlman (Sons of Anarchy,
Hellboy) e Robert Picardo (Star Trek: Voyager, Stargate SG-1).
Per la prima volta in Call of Duty, un Sistema di progressione
XP consente ai giocatori di crescere di livello in Zombies e di
personalizzare le armi a loro disposizione. Questa immersiva e
adrenalinica modalita’ sopravvivenza in co-operativa
rappresenta la piu’ ampia esperienza Call of Duty Zombies di
sempre.
Call of Duty: Black Ops III e’ sviluppato da Treyarch e
disponibile per PlayStation4, Xbox One, the all-in-one games
and entertainment system from Microsoft e PC.
Una versione del gioco e’ disponibile anche per i sistemi
di intrattenimento PlayStation�3 e per Xbox 360 di Microsoft,
sviluppata da Beenox and Mercenary Technology. Le versioni di
Call of Duty: Black Ops III per PlayStation 3 e Xbox 360 non
includono una modalita’ di gioco co-op o singleplayer, e non
contengono tutte le funzionalita’ di gioco presenti nelle
versioni per PlayStation 4 e Xbox One. (AGI)
.

Vai sul sito di AGI.it
Source: Agi

Web: che lavoro fa tuo figlio? Te lo dice LinkedIn – Video

(AGI) – Roma, 5 nov. – Figli grandi e in carriera, ma che hanno
ancora bisogno dei consigli dei genitori anche e soprattutto
nel mondo del lavoro. E’ quanto emerge dalla nuova ricerca di
LinkedIn fatta per lanciare la terza edizione dell’iniziativa
annuale ‘Bring In Your Parents Day’ che si svolge oggi in tutto
il mondo e in occasione della quale i professionisti possono
invitare i genitori sul posto di lavoro per permettere loro di
conoscere da vicino la realta’ lavorativa dei propri figli.
Stando ai risultati della ricerca globale oggi i genitori
smettono troppo presto di fornire ai propri figli supporto e
suggerimenti in ambito lavorativo, anche in Italia. Per la
maggior parte degli intervistati (il 30% in Italia e il 69% a
livello globale), i consigli lavorativi vengono meno una volta
ottenuto il primo lavoro. Il 21% dei casi in Italia e il 64%
dei casi a livello globale hanno affermato che avrebbero
gradito ulteriori consigli utili da parte dei genitori su
questioni specifiche nel corso della propria carriera. Il 25%
degli italiani e il 40% degli intervistati a livello globale si
sono invece sentiti poco consigliati dai genitori
nell’affrontare scelte importanti nelle proprie carriere.

Guarda il video

 

L’iniziativa Bring in Your Parents Day di LinkedIn mira a
ridurre la distanza esistente tra figli e genitori, fornendo a
questi ultimi le informazioni e le conoscenze necessarie per
offrire consigli utili ai propri figli in ambito lavorativo.
“I genitori possono dare dei consigli davvero importanti ai
figli anche nell’ambito lavorativo ma, come rivela la ricerca
di LinkedIn, molti di essi non sono consapevoli del valore
delle proprie conoscenze. Bring in Your Parents Day – spiega
Marcello Albergoni, Head of Italy di LinkedIn – e’ un modo per
capire meglio la situazione lavorativa dei figli e dare ai
genitori il giusto grado di conoscenza e confidenza per poterli
guidare”.
L’iniziativa si sta svolgendo in 17 paesi (Regno Unito,
Stati Uniti, Francia, Paesi Bassi, Svezia, Italia, Spagna,
Brasile, Australia, India, Canada, Singapore, Nuova Zelanda,
Malesia, Cina, Giappone e Hong Kong e sono state invitate a
partecipare aziende e professionisti di tutto il mondo. Nel
2014 hanno partecipato 25.000 persone e quest’anno si sono gia’
registrate aziende del calibro di Samsung e Doro. (AGI)
.

Vai sul sito di AGI.it
Source: Agi

Allarme Oms sulla carne rossa domina sui social, ma anche ironia

(AGI) – Roma, 5 nov. – Dopo l’allarme Oms sulal carne rossa e
il via libera del Parlamento europeo ad alghe, insetti e vermi
a tavola, sul web impazza la sicurezza alimentare. Dal 27
ottobre al 2 novembre, utenti online in fermento alla ricerca
di cibi “non cancerogeni”. E tra paura, ironia e scetticismo,
l’alternativa, forse, saranno alghe e insetti. L’elenco dei
cibi nocivi per la salute, o addirittura letali, e’ ormai tanto
lungo da far concorrenza al famoso catalogo di Leporello. Cosa
mettere in tavola? Come scegliere? A chi chiedere consiglio?
Quali le alternative? Gli internauti italiani, che hanno nei
geni il culto della cucina genuina e sono sempre molto attenti
alla provenienza degli ingredienti da mettere in tavola, hanno
dimostrato una massiccia attivita’ di engagement attorno a tre
notizie, varianti del medesimo tema: la carne rossa “fa male”.
Prima notizia a fare il botto di viralita’ (oltre 500.000
in pochi giorni. Fonte dati: Data Web, Gruppo Data Stampa)
riguarda la decisione del Parlamento europeo di dare il via
libera anche in Europa al consumo del “novel food”, ossia
alghe, insetti, vermi. Le reazioni a catena, come prevedibile,
sono state pesanti. Le associazioni dei consumatori, le aziende
agricole, gli ambientalisti e gli animalisti sono scesi in
campo per rivendicare le tradizioni e la cultura
enogastronomica locale, o comunque legata al Paese d’origine
dei prodotti. Cavallette e scorpioni, al momento, viste le
reticenze, paiono destinati al palato di pochi raffinati
intenditori.
Seconda notizia, di poco inferiore alla prima per
viralita’, riguarda la sentenza capitale che incombe sopra un
altro prodotto molto caro agli italiani, accusato d’essere
cancerogeno: il caffe’, finito nella lista nera dell’Oms e
dello Iarc, insieme ad altre bevande calde. A fine maggio 2016
verranno presentati i risultati degli studi. Fino ad allora,
gli esperti consigliano di consumare prodotti di qualita’ e di
non farsi condizionare da allarmismi privi di fondamento.
La terza notizia riguarda la rivolta del macellaio in
provincia di Venezia: preoccupato, come altri del settore, per
il futuro della propria attivita’ messa a continuo repentaglio
dagli alert sulla sicurezza alimentare, l’uomo ha deciso di
tappezzare la vetrina del proprio negozio con warning su altri
alimenti: il pesce contiene mercurio, frutta e verdura sono una
farcia di pesticidi, ecc. (AGI)
.

Vai sul sito di AGI.it
Source: Agi

Arrivano le Coding Girls, ragazze che sognano la carriera digitale

(AGI) – Roma, 4 nov. – Sono finiti i tempi in cui il mondo
informatico era prerogativa degli uomini, sono in arrivo le
Coding Girls‘, ragazze che sognano la carriera digitale.
Partono questa settimana, per il secondo anno consecutivo, i
laboratori “Coding Girls” promossi da Fondazione Mondo Digitale
e Ambasciata Americana in Italia, in collaborazione con
Microsoft, che danno l’opportunita’ a 400 giovani studentesse
di misurarsi con il mondo della programmazione informatica.
Alla base dell’iniziativa la speranza di accelerare il
raggiungimento delle pari opportunita’ nel settore scientifico
e tecnologico e colmare cosi’ il gap sessista.

A parlare sono i dati: solo il 3% delle ragazze europee si
laurea in informatica, rispetto al 10% dei ragazzi e appena il
9% degli sviluppatori di app sono donne. Secondo il World
Economics Forum, il cambiamento procede a un ritmo troppo lento
e di questo passo il traguardo della parita’ di genere nel
mondo del lavoro non potra’ essere raggiunto prima del 2095.
Una vera e propria staffetta formativa sul coding che dal 2
all’8 novembre coinvolge 400 studentesse di 7 scuole secondarie
di Roma e Napoli. Alla fine della settimana si terra’
l’hackaton al femminile presso la palestre dell’Innovazione
della Fondazione Mondo Digitale.

“Avvicinare le giovani donne al settore della scienza e
della tecnologia, e’ questo il nostro obiettivo con Coding Girls
– spiega alla conferenza stampa di presentazione del progetto
Mirta Michilli, direttore generale Fondazione Mondo Digitale -.
C’e’ ancora tanto da fare per raggiungere una parita’ di
genere, le statistiche parlano di 80 anni, e per questo
dobbiamo fare di piu’. Nel settore Ict ci sono tante
opportunita’ lavorative, ma per coglierle bisogna essere
preparati. Inoltre in alcuni casi si tratta di un’attivita’
lavorativa flessibile che potrebbe aiutare le donne soprattutto
nel periodo della maternita’. Noi – prosegue Michilli – come
fondazione cerchiamo di attrarre le ragazze verso la carriera
digitale presentando nelle scuole dei modelli positivi da
seguire, professioniste attive e realizzate, e creare occasioni
per sperimentare in prima persona l’uso attivo delle nuove
tecnologie”.

Durante la conferenza stampa di presentazione, un
contributo e’ stato dato da due ragazze che hanno partecipato
all’edizione 2014 di Coding Girls: Manuela Benedetti,
studentessa in multimedia Computing and Interaction alla
Sapienza Universita’ di Roma, e Loredana Cozzone, studentessa
IIS Pacinotti-Archimede. “Il coding, a differenza di cio’ che
credono in molti, non e’ un’attivita’ noiosa – racconta Manuela
Benedetti – ma un modo divertente per mettere in pratica la
propria idea creativa”. Con lo stesso entusiasmo racconta la
sua esperienza Loredana Cozzone: “Con il coding ho scoperto che
posso essere creativa e logica nello stesso tempo”. (AGI)

Vai sul sito di AGI.it
Source: Agi

Innovazione: sbarca in Italia iZettle per nuovi pagamenti mobili

(AGI) – Milano, 3 nov. – iZettle, start up svedese presente
nel settore del ‘mobile payment’, arriva in Italia con nuove
soluzioni tecnologiche e finanziarie per effettuare pagamenti
tramite dispositivi mobili e ridurre l’utilizzo di contanti.
“Gia’ presenti in undici paesi tra Europa e America Latina,
il nostro obiettivo e’ di diventare leader indiscusso del
mobile payment anche in Italia” – ha detto Jacob de Geer,
co-fondatore e ad di iZettle ? “nonostante si registri un
incremento del 55% nel settore mobile, ancora oggi la maggior
parte dei
piccoli-medi imprenditori non utilizza dispositivi di pagamento
perche’ troppo costosi e vincolanti. Con iZettle offriamo uno
strumento facile ed economico per incrementare il loro business
agevolando, al tempo stesso, i piccoli pagamenti dei loro
clienti”. (AGI)

Vai sul sito di AGI.it
Source: Agi

Google sfida Amazon: "dal 2017 consegna pacchi con i droni"

(AGI) – Washington, 3 nov. – Google sfida Amazon e gia’ nel
2017 lancera’ il servizio di consegna dei pacchi ai clienti con
i droni, aerei senza pilota. Lo ha annunciato David Vos, capo
del progetto del colosso di Mountain View.

“Il nostro obiettivo
e’ avviare il business commerciale nel 2017”, ha spiegato Vos
durante una convention fuori Washington.

Gia’ Amazon aveva annunciato, alla fine del 2013, di voler
consegnare i suoi prodotti a domicilio con i droni e ha gia’
avviato i test.

Successivamente anche Google ha sposato l’idea
e creato un progetto – Project Wing – con un team di
ricercatori che hanno gia’ realizzato un video ufficiale.
.

Vai sul sito di AGI.it
Source: Agi